È possibile prevedere la recidivia tra ex-cons?


Uno dei problemi più gravi della psicologia carceraria è l'efficacia dell'intervento nel reinserimento della società.

Psicologia carceraria

Mentre i prigionieri sono lasciati in prigione per aver servito le loro pene, non ricevono più assistenza psicologica in molti casi, ma questo non impedisce loro di tenere traccia del loro livello di inserimento, sia lavoro o socialmente.
Essendo la percentuale di recidiva nei crimini commesso l'indicatore opposto al reinserimento.
Anche se il ruolo dello psicologo nelle carceri è abbastanza sconosciuto, diventa un pilastro fondamentale per quei prigionieri che vogliono rifare la loro vita, ottenendo l'aiuto pertinente in questo senso.
Allo stesso modo, a tutti i prigionieri è data la possibilità di partecipare a corsi e workshop finalizzati al controllo della rabbia, allo sviluppo delle competenze sociali, nonché a partecipare al lavoro e all'inserimento educativo.
Infine, e da un punto di vista più esperto, partecipa anche alla prova dei prigionieri e quindi l'accorciamento delle sentenze, secondo la relazione positiva o non che deve emettere, per il quale prenderà in considerazione l'evoluzione dei detenuti , ma si può prevedere la recidiva degli ex-cons?


Video consigliato: aumento della recidiva dei delinquenti giovanili

Recidiva giovanile

Questo è ciò che è stato cercato di scoprire con un'indagine condotta dal dipartimento di giustizia penale, Università del nord del Texas; Insieme alla facoltà di affari pubblici, Università del Colorado (USA) UU I cui risultati sono stati pubblicati nel mese di aprile 2017 nella rivista scientifica Journal of Criminal Psychology.
Uno studio retrospettivo è stato condotto da 1987 a 2011 delle segnalazioni di ricadute di 247 uomini omicidi giovanili del Texas Youth COMMSION.
I dati sono stati separati tra quelli considerati reati di capitale (35% dei giovani) e non capitali secondo la legislazione americana.
Oltre ai dati di base sono stati raccolti dal gruppo etnico (bianco, nero e ispanico), il numero di anni di incarcerazione, la storia di abuso emotivo o sostanza tra gli altri.


Predittori della recidiva giovanile

I risultati mostrano un tasso di ricaduta del 50% dei giovani. Mostrano anche che coloro che "hanno lasciato il sistema" prima, sono quelli che hanno più possibilità di recidivare; C'è un rapporto inverso di recidivazione con anni di reclusione, vale a dire, il maggior numero di anni imprigionato meno recidivm.
Poiché i fattori predittivi della recidiva aggiungono anche comportamenti aggressivi contro i coetanei all'interno del penitenziario.
Non sono state rilevate differenze nel resto delle variabili analizzate.

Tra i limiti dello studio è quello di essere fissato solo in una banda di età, i giovani, lasciando fuori il resto della popolazione, quindi non è noto se questi risultati sono mantenuti o non quando l'autore del reato è maggiore.
È stato anche analizzato solo agli assassini, e non ai giovani prigionieri per altri crimini, allora non è possibile generalizzare i risultati a tutti i giovani fino a fare più indagini in questo senso.
Infine solo i dati sui maschi sono stati raccolti e analizzati, quindi non è noto se ci sono variabili di genere in questo senso, quindi non è noto se le donne ottenessero gli stessi risultati o no.
Nonostante quanto sopra, va notato le tre variabili che sono state significative come predittori di recidivism, isolamento sociale, comportamenti aggressivi durante l'incarcerazione, e il numero di anni imprigionati, essendo quest'ultimo un protettore del recidività.
Come gli autori dello studio indicano in base ai risultati, le autorità pubbliche dovrebbero fare una maggiore incidenza tra la popolazione giovanile che si sente emarginata dalla società per cercare la loro integrazione e quindi evitare il crimine che è Si trasformerà in un criminale recidivo anche se trascorre una stagione in prigione.
Allo stesso modo e all'interno del carcere dovrà prendere provvedimenti per ridurre i livelli di aggressività tra i coetanei, separando i gruppi di prigionieri, o integrando in workshop in cui le competenze sociali sono potenziate, per evitare il verificarsi di questi Gli attacchi che sono predittivi della recidiva quando lasciano la prigione.
Infine, nonostante i suoi evidenti benefici, estendere le sanzioni nel tempo impedirà recidività, ma limiterà anche la vita della persona al di fuori della prigione, Circunscribiéndolo quasi alla vita carceraria, quindi, questo ultimo fattore deve Pesare, tra costi e benefici, in modo da non privare più tempo del tempestivo.

error: Content is protected !!